#MASSA CARRARA : DIPENDETE DI POSTE ITALIANE PRESENTA DENUNCIA PENALE ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA CONTRO PARTE DELLA SUA DIRIGENZA .

LAVORO
Spread the love

MASSA.Il Cav. Angiolino Mangiaracina Presenta formale Denuncia Penale alla Procura , contro alcuni dei suoi Dirigenti di Poste Italiane .

Nel Marzo  2013 si concludeva in sede Giudiziaria al Tribunale di Massa MS , una causa lavoro tra Poste Italiane Spa ed il dipendente  Cav. Mangiaracina Angiolino , venne  sottoscritto un accordo controfirmato tra le parti e lo stesso  Giudice, dove Poste Italiane riconosceva  il danno  recato al Mangiaracina,   e si impegna a risarcirlo  con una somma di circa 50.000 euro di cui 44.000 a titolo  danni alla salute Dequalificazione e Demansionamento (Azioni Mobbizzanti sul posto di lavoro ) Riconoscendogli  tra l’altro l’inquadramento nel livello superiore B con compiti di Collaboratore.

Nel Giugno 2014 il Mangiaracina si vede costretto ad improntare una nuova causa lavoro per Mobbing  contro Poste Italiane sia  per il fatto che non è stato per nulla rispettato l’accordo siglato a suo tempo nella prima causa, in quanto venne  applicata da Poste italiane  una errata tassazione nella liquidazione  del danno nella misura del 50% e sia  per averlo  tenuto lungamente inattivo ( Svuotamento Totale delle Mansioni )  Successivamente Poste Italiane  non considera giusto concedere  il diritto del Mangiaracina ad essere applicato in pieno nel ruolo del suo profilo di appartenenza   come sostituto del Direttore in un ufficio Postale MASSA 1 classificato di Relazione dove appunto il ruolo Collaboratore B di fatto sostituisce il Direttore livello A1,                                                                   Fatti che hanno dato ampia ragione al Mangiaracina nelle due  CTU quella Contabile  sull’errata applicazione della tassazione sul risarcimento e quella  Medica  che ha accertato un ulteriore  danno alla salute ed una continuazione degli eventi   Mobbizanti .                                                                                           Il Mangiaracina ed il suo legale considerato che gli eventi Mobbizzanti non hanno  fine, presentano nel Dicembre 2016 Denuncia Querela di natura penale contro parte della sua Dirigenza ,citando l’articolo 582 il 612 bis atti persecutori lesioni personali e quant’altro  possa essere ravvisato dagli Organi inquirenti della Procura .                                        Mangiaracina a supporto delle sue ragioni ha prodotto prove testimoniali chiare e  fondamentali , tra le quali oggi a suo sostegno  anche la dichiarazione rilasciata in sede di Tribunale dallo stesso Direttore Regionale Risorse Umane  Toscana e Umbria. che di fatto riconosce il diritto del Mangiaracina a sostituire il Direttore assente .

Sembrerebbe che  la Polizia Giudiziaria , e non si comprende il motivo , alcune prove prodotte all’atto della presentazione della querela  non le  abbia prese in considerszione .                                                              La Denuncia penale  è adesso al vaglio del Giudice per le Indagini Preliminari della Procura di Massa Carrara che dovrà decidere sulle misure da adottare in merito .