#Civica popolare, ecco il simbolo della lista di Lorenzin: “Un fiore petaloso”

Politica
Spread the love

Come annunciato nei giorni scorsi su Repubblica, Civica popolare, il nuovo soggetto politico centrista e alleato del Pd, guidato dalla ministra Beatrice Lorenzin e da Lorenzo Dellai, ha ritoccato il suo simbolo.

Dopo la diffida di Francesco Rutelli a utilizzare il logo della Margherita, per evitare guai legali i civici e popolari hanno rimesso mano alla grafica, rimandando di qualche giorno il lancio ufficiale. E alla fine hanno optato per un fiore generico, frutto dell’immaginazione di un bambino.

Questa mattina, al Tempo di Adriano a Roma, è stato dunque presentato il nuovo logo. Un simbolo-cestino che ne accoglie in sé altri cinque su uno sfondo rosa fucsia dove campeggia un fiore giallo dai tratti infantili. “Un fiore petaloso”, spiega la ministra che aggiunge: “Qualcuno ci vuole vedere una margherita? Non è una margherita, per me è una peonia. Me lo ha regalato un bambino figlio di una mia amica”.
download

Sotto al fiore, disposte a semicerchio, le cinque “anime” della lista: Italia dei Valori, Centristi per l’Europa, Unione per il Trentino di Dellai (che non rinuncia alla margherita nella sua versione “locale”), Italia è Popolare e Ap, il partito di provenienza di Lorenzin su cui poggia saldamente il nuovo soggetto. La stessa leadership di Lorenzin è evidenziata con la scritta in maiuscolo del suo nome. “Questo simbolo ha una storia – continua la responsabile della Salute – crescita, speranza e futuro sono le tre parole chiave di questo fiore”.

“La campagna elettorale in atto mi sembra quella di Cetto Laqualunque, a chi la spara più grossa – continua Lorenzin – gli italiani sono stanchi di promesse non mantenibili. Noi rappresenteremo una forza pragmatica”.

E, utilizzando una metafora “sanitaria”, aggiunge: “Abbiamo vaccinato gli italiani, ma credo che l’Italia abbia bisogno di un vaccino contro l’incapacità e dai populismi e gli estremismi. Vogliamo introdurre un nuovo farmaco: l’ascolto”. E a chi la accusa di aver messo in piedi solo un cartello elettorale ribatte: “Abbiamo deciso di mettere in campo un progetto politico che non si ferma a queste elezioni, ma va avanti, dando delle risposte alle persone”.

Civica popolare si presenterà anche alle regionali, come conferma Lorenzin. Nel Lazio appoggerà la ricandidatura di Nicola Zingaretti.