#Musulmani a lezione di voto (ma solo per il Pd)

ELEZIONI MARZO 2018
Spread the love

Musulmani a lezione di voto. Naturalmente per il Pd. È questa l’impressione che si ha vedendo alcune foto dell’evento organizzato dal segretario dem Pietro Bussolati e dalla consigliera comunale Sumaya Abdel Qader nel Centro Islamico di Milano e Lombardia.

Nelle immagini diffuse in rete si vede Bussolati seduto accanto a Sameh Meligy, un egiziano che sostiene i Fratelli musulmani e che è membro dell’Alleanza Islamica d’Italia, un’associazione già inserita nella “lista nera del terrore” degli Emirati Arabi. Va bene, magari Bussolati non sapeva chi avesse accanto. E invece no. Perché nel 2016 Meligy è stato candidato a Milano come consigliere di zona 4 ma, in seguito a una sua foto scattata insieme a Tareq Suwaidan, predicatore legato ai Fratelli Musulmani kuwaitiani, la sua nomina è svanita nel nulla. Era davvero troppo, insomma.

In un’altra foto dell’evento, inoltre, si può vedere una donna velata che tiene in mano una scheda elettorale con scritto “come si vota”. Bene, bravi, bis. Una lezione di democrazia. O forse no. Già perché l’unico simbolo presente – e con una bella croce sopra – è quello del Partito democratico. Una specie di listone unico per i musulmani di Milano.

La lezione del Partito democratico lascia per lo meno di stucco. Sarebbe infatti inutile dire che la politica non deve entrare nei luoghi di culto onde evitare di creare frizioni e scontri interni (come già avvenuto durante il Ramadan 2013 tra sostenitori e oppositori dell’ex presidente islamista Mohamed Morsi) se non fosse che il Pd è il primo ad andare nelle moschee per fare campagna elettorale. Non ha insomma senso parlare di separazione tra religione e politica se poi si fa l’esatto contrario pur di racimolare qualche voto in più.

C’è poi un ulteriore aspetto da considerare: è compatibile la propaganda politica del Pd con l’ideologia di un centro islamico il cui imam voleva vietare alle donne di andare in bicicletta? Un imam, val la pena ricordarlo, che nel 2011 durante un sermone pontificò: “I musulmani di Milano non devono votare i candidati della lista di Sinistra ecologia e libertà perché il suo leader Nichi Vendola, in quanto omosessuale, ha una condotta che non va d’accordo con l’etica islamica”.